Foto della S. Messa Pontificale al Faldistorio celebrata da Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Guido Pozzo a Napoli il 21 ottobre 2017

Negli Annali del movimento liturgico tradizionale a Napoli, quanto accaduto lo scorso 21 ottobre occuperà un posto di assoluto rilievo: la celebrazione della prima S. Messa Pontificale al Faldistorio nell’usus antiquior del Rito Romano dopo la riforma liturgica del secolo scorso. Il Santo Sacrificio della Messa è stato offerto da Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Guido Pozzo, Segretario della Pontificia Commissione «Ecclesia Dei», nella maestosa cornice della Basilica di San Paolo Maggiore, gloria dell’architettura sacra partenopea, retta dai RR. PP. Teatini. OrdinariumProprium Missae, in polifonia e in canto gregoriano, sono stati eseguiti dalla Corale Soli Deo Gloria, diretta dal M° P. Rosario Cantone, e da membri del Coetus fidelium «San Gaetano e Sant’Andrea Avellino», che, assieme alla Comunità Teatina, ha fornito anche il servizio all’Altare. Il sacro rito è stato diretto dal Rev.do Don Giorgio Lenzi, IBP, in qualità di cerimoniere, mentre i ruoli di Diacono, Suddiacono e Prete Assistente sono stati espletati rispettivamente dai Rev.di Don Matthieu Raffray IBP, Don Cristiano Piseddu (Arcidiocesi di Cagliari) e Don William Barker FSSP. Alla celebrazione hanno devotamente assistito oltre sessanta fedeli, senza contare i numerosi turisti, attratti dallo splendore della Sacra Liturgia.

A seguire la conferenza di Don Nicola Bux, che, a causa di urgenti lavori di restauro della Sagrestia Monumentale, ha avuto luogo nella Basilica stessa. In apertura sono stati letti i messaggi inviati per l’occasione dalle Loro Eminenze i Cardinali Crescenzio Sepe e Darìo Castrillòn-Hoyos (prossimamente ne sarà pubblicato il contenuto su questo blog). Dopo l’introduzione di Mons. Pozzo, Don Nicola Bux si è soffermato sulle ragioni del motu proprio «Summorum Pontificum». Alcuni presenti hanno poi rivolto delle domande agli illustri relatori, che, a turno, hanno fornito ciascuno una lunga e articolata risposta. Prima del congedo, il Comitato Organizzatore ha pubblicamente manifestato la volontà dei Coetus fidelium operanti nel territorio dell’Arcidiocesi di Napoli di approfondire i rapporti già esistenti di amicizia e di reciproco aiuto, al fine di promuovere e facilitare l’applicazione del motu proprio «Summorum Pontificum» di Papa Benedetto XVI, a Napoli e in tutta la Campania.

Grazie alla Santissima Trinità per il dono del motu proprio «Summorum Pontificum» del grande Papa Benedetto XVI e per questo straordinario momento di Grazia! Grazie anche a tutti coloro che lo hanno reso possibile: le associazioni Fraternità Cattolica e «Una Voce» Napoli, i Coetus fidelium «San Gaetano e Sant’Andrea Avellino» e «Quartiere Chiaia», l’Istituto del Buon Pastore-Italia. Un cordiale ringraziamento a Sua Eccellenza Mons. Guido Pozzo e a Don Nicola Bux, per aver accettato il nostro invito, e ai cari Padri Teatini, che hanno generosamente messo a disposizione per questa celebrazione la meravigliosa Basilica di San Paolo Maggiore.

SOLI DEO GLORIA

 

IMG_4742

IMG_4767IMG_4768IMG_4770IMG_4775IMG_4780IMG_4784IMG_4786IMG_4788San Paolo 8IMG_4792IMG_4800IMG_4801IMG_4802IMG_4810IMG_4814IMG_4816IMG_4819IMG_4823IMG_4826San Paolo 11IMG_4830IMG_4834IMG_4836IMG_4844San Paolo 12-2IMG_4846San Paolo 10IMG_4850IMG_4853IMG_4855IMG_4857IMG_4859IMG_4864IMG_4865IMG_4866IMG_4867IMG_4868IMG_4870IMG_4874IMG_4877San Paolo 4IMG_4891IMG_4903

2 pensieri su “Foto della S. Messa Pontificale al Faldistorio celebrata da Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Guido Pozzo a Napoli il 21 ottobre 2017

  1. Complimenti davvero. Deve essere stata una celebrazione che ha richiesto molta preparazione e dedizione da parte vostra essendo soprattutto ormai quasi una rarità. Avete il video? Sarebbe molto formativo per chi come me studia e cerca di servire a messa sempre meglio. Grazie e ancora complimenti!

    • Grazie! Purtroppo non abbiamo il video dell’intero Pontificale… Presi come eravamo dai numerosi problemi organizzativi che fino all’ultimo ci hanno accompagnato, non abbiamo avuto il tempo di provvedere. All’ultimo momento una persona ha provato a riprendere, ma, a causa della memoria piena dello smartphone, è riuscita a combinare ben poco. Mi dispiace…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.